Videogioco che cura l’Occhio Pigro-Ambliopia


Ben presto l’occhio pigro potrà essere curato grazie ad un videogioco!

Un videogame creato proprio per correggere l’ambliopia. Si chiama Dig Rush ed è a tutti gli effetti una terapia basata su un metodo brevettato per la “correzione” a lungo termine del disturbo.

Dig Rush nasce da un progetto congiunto di Ubisoft e Amblyotech Inc. con lo scopo di creare un’esperienza di gioco che possa migliorare il i pazienti durante le terapie per la cura dell’ambliopia.

Cattura

Quindi l’occhio pigro del paziente viene allenato migliorando l’acutezza visiva.

Invece di allenare solo l’occhio pigro, il nuovo videogioco sfrutta entrambi gli occhi (agisce a livello binoculate), di modo che si abbia la possibilità di “addestrare” il cervello del paziente a migliorare l’acutezza visiva, utilizzando livelli di contrasto di rosso e blu differenti, che possono essere percepiti tramite l’uso di occhiali stereoscopici.

Con questo metodo, il medico ha la possibilità di regolare le impostazioni del gioco in base alla debolezza dell’occhio del paziente, mentre entrambi gli occhi sfruttano l’esperienza di gioco.

Quello dell’occhio pigro – un occhio è più “forte” dell’altro, generalmente a causa di un errore di rifrazione disuguale – è un disturbo che colpisce fino al 3% dei bambini di tutto il mondo, se non curato con efficacia, può portare alla cecità in età adulta.

Questo metodo quindi potrà sostituire la classica terapia che prevede l’utilizzo dell benda, che fornisce un sollievo limitato e anche poco gradita dai pazienti, poichè nella maggior parte dei casi provoca anche un disagio sociale.

la nuova terapia elettronica è stata testata clinicamente ed è riuscita a migliorare notevolmente l’acutezza visiva sia di bambini che di adulti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Analisi del Sangue con lo Smartphone <—CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’

Messaggi Profumati con oPhone e oNotes <—CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’

Se quest’articolo ti è stato utile seguici anche sulla pagina Facebook!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares